indietroscrivi
viaggi
Click per aprire http://www.ilmeteo.it
tappa successiva
Jesi – Napoli (n. 54)
Jesi, San Benedetto del Tronto, San Vito Chietino, Larino, Campobasso, Benevento, Caserta, Napoli
inserito da
paolo di Castelplanio
nazione
Italia
periodo del viaggio
dal 6 al 14 agosto 2021
durata (giorni)
8
da
San Benedetto del Tronto
a
San Vito Chietino
km
105

07-08-2021 (2)

Racconto
Alcuni di noi si alzano presto per un veloce bagno al mare. Poi colazione libera e verso le 8 siamo pronti per partire. Si aggiungono Fabio, che vive a S. Benedetto, le la mamma Paola. Apprezziamo subito la conduzione di Fabio che conosce bene la zona e ci conduce per strade di campagna e ciclabili. Molto bello l’attraversamento della Riserva Naturale Sentina; arriviamo alla foce del Tronto vicino ad una bella spiaggia libera; avremmo voglia di fare il bagno ma ci aspettano tanti km! Fatta eccezione di alcuni tratti, in cui dobbiamo tornare nella Statale Adriatica, quasi tutto il tracciato segue ciclabili lungomare. Breve sosta rinfrescatrice in un bar del lungomare di Giulianova e continuiamo alla volta di Pescara, dove arriviamo verso le 13.30. Per la pausa pranzo il gruppo si divide; fa molto caldo; alcuni preferiscono trovare ristoro in qualche locale del centro di Pescara, altri preferiscono raggiungere il mare per un bagno, anche se la zona intorno Pescara non offre belle spiagge libere.
Prima di Ortona si deve lasciare il mare per risalire alla cittadina allontanandosi un poco dal mare. La zona è molto bella ma recenti incendi rendono spesso il paesaggio desolato.
A Ortona Fabio ci propone una sosta in un bar posizionato in un bel punto panoramico, sosta graditissima a tutto il gruppo.
Ripartiti, dopo aver riempito le borracce in una fonte fresca in una piazza di Ortona, riscendiamo verso il mare e qui imbocchiamo la nuovissima ciclabile abruzzese, costruita nel tracciato di una ferrovia dismessa. Questa attraversa anche gallerie, illuminate, e fiancheggia il mare; ogni tanto si affianca un trabocco: si tratta di costruzioni in legno sul mare, tipo palafitte, utilizzate un tempo per pescare; ora sono state ristrutturate all’interno e trasformate in ristorantini cui mangiare previa prenotazione; verso le 18 arriviamo a Marina si San Vito e in molti ne approfittiamo per fare un bagno in una spiaggetta libera dove il mare, grazie a scogliere, è molto calmo. Altri preferiscono per proseguire verso l’hotel prenotato* che si trova all’interno oltre San Vito e occorre dunque risalire di quasi 200 metri.
Resto con il gruppo dei bagnanti e, per andare alla meta, non so perché, invece di seguire la traccia che avevo preparato con alltrails.com, mi faccio guidare di Google Map (opzione bici); mai scelta più infelice! Ci fa passare per una stradina con una pendenza di circa il 20%! Diffidate di quel navigatore!!

* Hotel Villa Medici, https://www.hotelvillamediciabruzzo.it/, info@hotelvillamediciabruzzo.it